La cosa più pulita

Stranamente ricordo fatti che di altri non ricordo.. E sguardi.. Parole e canzoni.
Stranamente ricordo l’ora  il posto il luogo.. E lui che si affacciava al finestrino e diceva.. “ciao piacere ‘.

Ricordo ancora il suo primo bacio
Così lieve

Il suo modo di fare
La sua tenerezza

Ricordo ancora noi due li
In cima a una collina
Assorti…

Si era solo noi due
In quel silenzio assordante

E lui

E Firenze canzone triste
Fu la prima che mi dedicò.. E me la porto ancora addosso

Era la cosa più pulita che mi sia mai capitata

E l ho gettata

Dio che male quel giorno in cui gli dissi i miei pensieri
E Dio che male quando lui gettò ciò che ci doveva unire
Vederlo andar via cosi
Senza parole

Probabilmente, anzi sicuramente fece male
Ma fece ancor più male l’aver perso la vita.

E ancora a distanza di anni
Lo sento come fosse ieri

Non si può annullare un passato

Ma si può migliorare un futuro.

Catia