Vaccini: Darwinismo e involuzione?

 

Prima di trattare questo argomento, è necessario che io faccia alcune premesse fondamentali: NON sono un medico.


Quello che quindi voglio fare è trasmettere all’attenzione un trend negativo che aleggia nell’aria negli ultimi anni, mettendo in evidenza una serie di dati statistici.
L’OMS fissa al 95% la soglia di sicurezza minima per la copertura vaccinale

Percentuali in Italia

Come potete vedere dalla precedente foto, nella media nazionale non raggiungiamo quasi mai la percentuale fissata (andrebbe poi analizzato regione per regione).
Ciò che mi lascia perplessa è come facciano le persone, senza il sostegno di dati empirici, a decidere che i vaccini siano la causa scatenante dell’autismo, indi per cui scelgano di non vaccinare la propria prole, “salvandoli” da questo disturbo ma facendoli morire di pertosse.
Mi interrogo, quindi, su come si possa arrivare a optare per il NO in totale disaccordo con quanto stabilito dal Ministero della Sanità: contano di più le statistiche o le esperienze personali dirette o per sentito dire?

Mi scuso in partenza per il taglio probabilmente eccessivamente polemico dell’articolo, ma sentivo il bisogno di spendere qualche parola.

Gloria